Esagonoilgiornale.com

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Archivio
    Archivio Contiene un elenco di blog che sono stati creati in precedenza.
  • Accesso
    Login Login form

Attualità

08
Lug
0

Nasce il Polo riabilitativo alla Fondazione Sant'Angela Merici Oggi l'inaugurazione della nuova palestra

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
Con l'inaugurazione della palestra avvenuta oggi, si consolida il Polo riabilitativo della Fondazione Sant'Angela Merici a Siracusa.

Sarà l'arcivescovo di Siracusa, mons. Francesco Lomanto, a benedire i locali recentemente ristrutturati alla presenza degli utenti, delle famiglie e del personale. La palestra è stata completamente riadattata insieme ai locali attigui che saranno utilizzati per effettuare terapie riabilitative.
A fare gli onori di casa e’ stato il presidente della Fondazione Sant'Angela Merici, don Alfio Li Noce.
La Fondazione Sant'Angela Merici propone una riabilitazione neuromotoria di eccellenza ed è punto di riferimento per l'intera Regione. Nella ristrutturazione della palestra sono stati impegnati anche gli ospiti residenziali della Fondazione: nei laboratori interni, sotto lo sguardo attento dei maestri d'arte, sono stati realizzati i quadri, appesi nelle pareti della palestra, ma anche materiale di arredamento come le sagome colorate di diversa forma e le sagome che richiamano tutti gli sport.
La Fondazione Sant'Angela Merici è leader dell'offerta riabilitativa con l'idrokinesiterapia attraverso il complesso delle vasche riabilitative, alle quali si aggiunge adesso la nuova la palestra e si assocerà l'aspetto specialistico e diagnostico. Un modo anche per soddisfare l'alta richiesta e smaltire le liste d'attesa. Un'opportunità che perfeziona ulteriormente gli standard strutturali, tecnologici e organizzativi e di personale del Centro di riabilitazione che, attraverso un servizio svolto da personale qualificato, da sempre costituisce un polo di eccellenza. L'obiettivo è crescere ulteriormente come Polo riabilitativo e diagnostico per offrire la riabilitazione anche attraverso la robotica.

Visite: 136
0
25
Giu
0

Rifiuti: a Siracusa chiuso il Ccr di Targia, il Comune chiede la collaborazione dei cittadini

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg

L’improvvisa chiusura della discarica di Lentini, dove Siracusa e altri 200 comuni siciliani conferiscono i rifiuti indifferenziati, sta influendo sull’organizzazione complessiva del servizio di igiene urbana.
La raccolta della frazione organica di domani si svolgerà regolarmente ma, per fronteggiare la situazione, si è reso necessario chiudere il Centro comunale di raccolta di contrada Targia per un periodo di tempo che non è ancora possibile determinare.
Il sindaco Francesco Italia, l’assessore Salvatore Cavarra e i responsabili degli uffici interessati sono costantemente impegnati a fronteggiare l’emergenza in attesa che il governo regionale individui una soluzione.
La situazione è in continua evoluzione e il Comune invita i cittadini a tenersi informati attraverso il sito e i social istituzionali. Inoltre, invita tutti a collaborare impegnandosi a differenziare i rifiuti prodotti nella maniera più rigorosa possibile.

Visite: 102
0
25
Giu
0

Concorsi per il Comparto dell’Asp di Siracusa, imminenti le pubblicazioni sulla G.U.R.S e G.U.R.I. bandi per 150 posti di ruolo nelle varie discipline

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
Nei prossimi giorni saranno pubblicati sulla GURS e successivamente sulla G.U.R.I. 4° serie speciale due concorsi pubblici per titoli ed esami, indetti dall’Asp di Siracusa, per l’assunzione a tempo indeterminato di 150 unità di diverse qualifiche risultate vacanti rispetto al Piano del fabbisogno aziendale.
Le conseguenti relative graduatorie saranno utilizzate nel tempo anche per la copertura di ulteriori posti che si dovessero rendere vacanti a seguito di collocamento in quiescenza o per eventuali altre vacanze di organico.
“I bandi integrali completi con tutte le informazioni dettagliate relativamente ai requisiti richiesti, alle modalità di partecipazione e ai tempi stabiliti per la presentazione delle domande – ricorda il direttore delle Risorse Umane Lavinia Lo Curzio -  sono pubblicati nel sito internet dell’Asp di Siracusa all’indirizzo www.ap.sr.it.
Abbiamo già richiesto la pubblicazione degli estratti sulla G.U.R.S. serie concorsi, che avverrà nei prossimi giorni, e successivamente, nella prima data utile del mese di luglio, saranno pubblicati sulla G.U.R.I. 4^ serie speciale concorsi ed esami. I termini per la presentazione delle istanze, così come indicato nei bandi integrali, lo ricordiamo – conclude Lavinia Lo Curzio -  scadranno il trentesimo giorno successivo alla pubblicazione sulla G.U.R.I.”
“Dalla puntuale ricognizione che abbiamo effettuato in tutte le Aree contrattuali di questa Azienda – commenta il direttore generale Alessandro Caltagirone – abbiamo messo a punto la rilevazione dei posti vacanti anche nell’Area del Comparto, come già avevo annunciato. E di ciò devo riconoscere il merito al direttore dell’Unità operativa Risorse Umane Lavinia Lo Curzio e al suo staff per l’impegno che sta profondendo senza sosta nella ricognizione del fabbisogno in tutte le Aree contrattuali e per la speditezza con cui sta portando a termine ogni procedura concorsuale che ci sta consentendo di incrementare il personale colmando le carenze in tutte le Aree, soprattutto laddove maggiore è la necessità. Ai fini dell’attuazione e dell’erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza da parte di questa Azienda sono stato, dal primo momento, dell’avviso che occorreva procedere speditamente anche all’assunzione del personale del Comparto mancante in organico poiché ci consentirà di coprire stabilmente le carenze e di potere offrire servizi sanitari sempre più adeguati ai bisogni della popolazione e ad una migliore organizzazione delle attività ospedaliere e territoriali”.
I posti di Comparto a concorso riguardano: 20 operatori socio sanitari (OSS), 4 posti di Infermiere, 64 di Infermiere di famiglia e di Comunità, 3 di Infermiere Pediatrico, 11 di Ostetrica, 4 posti di Dietista, 1 Tecnico Sanitario di Laboratorio biomedico, 1 Tecnico Sanitario di Radiologia Medica, 2 Tecnici di Neurofisiopatologia, 1 Tecnico della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, 12 posti di Fisioterapista, 3 di Tecnico riabilitazione psichiatrica, 10 posti di Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, 2 di Educatore professionale, 2 di Assistente Sanitario, 1 Ortottista, 2 posti di Logopedista, 7 posti di Assistente Sociale.
“Nella ricognizione delle vacanze di varie qualifiche – spiega il direttore generale Alessandro Caltagirone -  abbiamo tenuto conto anche delle cessazioni per quiescenza che ad oggi risultano prevedibili. L’indizione dei concorsi rappresenta una esigenza immediata anche nell’Area del Comparto, considerato che per le discipline previste in questi bandi non risultano in essere graduatorie aziendali, né risulta adesione alle procedure di bacino della Sicilia Orientale. Come ho già detto in più occasioni – conclude Caltagirone -  la qualità dei servizi sanitari erogati non può non tenere conto dell’esistenza di un organico completo in tutte le sue aree al quale arriveremo senza alcun indugio e attraverso tutte le possibilità esistenti”.

Visite: 228
0
20
Giu
0

Giornata nazionale contro le leucemie, pool di specialisti all’ASP di Siracusa per informazioni e consulenze

Inviato il in Attualità


 b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
Venerdì 21 giugno si celebra la 19a Giornata nazionale per la lotta contro le Leucemie, Linfomi e Mieloma indetta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri su proposta del ministro della Salute ed è l’occasione per fare il punto sui progressi raggiunti dalla ricerca scientifica nella lotta alle patologie neoplastiche e per informare e sensibilizzare i cittadini attraverso attività realizzate su tutto il territorio nazionale.
L’ Associazione Italiana Leucemie-Linfomi e Mieloma (AIL), promotrice della Giornata, ha attivato il “Numero Verde problemi ematologici 800.22.65.24”, dalle ore 8 alle 20, a cui risponderanno un pool di ematologi per offrire risposte alle domande e ai dubbi dei pazienti su percorsi terapeutici, centri di cura e sui dubbi inerenti le patologie.
L’ASP di Siracusa, per iniziativa del direttore generale Alessandro Caltagirone assieme ai direttori sanitario e amministrativo Salvatore Madonia e Salvatore Lombardo, parteciperà alla celebrazione della giornata rendendo disponibili i dirigenti medici specialisti delle Unità operative di Ematologia, Oncoematologia e Medicina Trasfusionale, specialisti in Ematologia generale clinica e di laboratorio, attraverso i rispettivi recapiti telefonici per fornire informazioni, consulenza ed indicazioni utili per l’accesso alle strutture di assistenza.
 
Dalle ore 13, alle ore 15 sarà attivo il numero telefonico 0931-989109 del presidio ospedaliero Muscatello di Augusta, al quale risponderà il dottore Raimondo Di Bella; dalle ore 9 alle ore 18 al numero 3381336259 risponderà il dottore Michele Floridia; dalle ore 8 alle ore 14 la dottoressa Sara Catena ed il dottore Dario Genovese del presidio ospedaliero Umberto I risponderanno ai numeri 0931-724297, 3407645626 e 3286920519 e dalle 14 alle 15 la dottoressa Irene Amico ed il dottore Salvatore Di Fazio allo 0931 989059.
La Giornata sarà un’occasione speciale per illustrare i più recenti progressi della ricerca scientifica e per essere ancora più vicini ai pazienti ematologici, adulti e bambini, attraverso attività di sensibilizzazione e informazione su tutto il territorio nazionale.
 
 

Visite: 205
0
19
Giu
0

Taser alla Polizia municipale, sì del consiglio comunale alla sperimentazione

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
 La Polizia municipale di Siracusa potrà dotarsi di due Taser, l’arma a impulsi elettrici già utilizzata dalle altre forze dell’ordine, ma solo dopo una fase di sperimentazione di sei mesi. Lo ha deciso stamattina il consiglio comunale riunito in seconda convocazione – sotto la presidenza del consigliere anziano Sergio Bonafede – poiché ieri era caduto il numero legale.
La seduta è iniziata dalla discussione di un emendamento, presentato da Ferdinando Messina e Paolo Romano a nome dei rispettivi gruppi di Forza Italia e Fratelli d’Italia, che ha avuto l’effetto di rinviare la modifica del regolamento sull’armamento in dotazione agli agenti della Municipale. L’emendamento, approvato a maggioranza dopo gli interventi degli stessi proponenti, di Cavallaro, Burti, Aloschi, Vaccaro, Casella, De Simone, Porto, Firenze e dell’assessore Giuseppe Gibilisco, ha avuto l’effetto di spostare la discussione sul regolamento dedicato alla sperimentazione, contenuto nella stessa proposta, a sua volta approvato ma con due modifiche.
La prima, presentata dalla commissione competente, prevede che i requisti per dare il via alla fase di studio debbano essere gli stessi che sono stati utilizzati da tutte le altre forze di polizia; la seconda, firmata da Scimonelli e Vaccaro, prevede che la formazione del personale sia concordata con l’Asp e abbia una durata di almeno 24 ore. Il corso dovrà avvalersi di un manuale contenente: i riferimenti normativi, le caratteristiche tecniche del Taser, le modalità di impiego, gli effetti sulla persona, le informazioni sanitarie, le avvertenze, le precauzioni e la manutenzione del dispositivo. La modifica proposta da Scimonelli e Vaccaro era parte di un più lungo emendamento composta da altri articoli sui quali, però, l’aula ha deciso di astenersi facendoli, di fatto, cadere.
Al termine della fase sperimentale, il comandante della Municipale presenterà una relazione sulla base della quale il consiglio comunale deciderà se modificare l’elenco delle armi in dotazione al Corpo che, da regolamento, oggi sono: la pistola semiautomatica 9X21, la Beretta 7,65 e la sciabola d’onore. Gli agenti che parteciperanno al corso sull’uso del Taser saranno scelti su base volontaria.

Visite: 222
0
11
Giu
0

Avola: “Linee guida sui disturbi dello spettro autistico, prospettive di intervento e strategie dì inclusione”

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
“Nuovi servizi e opportunità di cui Avola è protagonista in sinergia con l’Asp attraverso la firma di un protocollo di intesa, con il coinvolgimento delle famiglie del nostro territorio.” Con queste parole il sindaco Cannata annuncia il contenuto dell’incontro di oggi tenutosi nella sala Fratantonio del Palazzo di città dal titolo:
“Linee guida sui disturbi dello spettro autistico, prospettive di intervento e strategie dì inclusione”.

Tale progetto è stato presentato oggi, con la presenza del Commissario Straordinario Asp di Siracusa Alessandro Caltagirone e l’equipe del Centro Diurno Autismo, il Mec, trattasi di un modello di intervento innovativo che contribuisce al miglioramento della qualità di vita dei ragazzi con spettro autistico.
“Un impegno che porto avanti con la mia amministrazione - continua Rossana Cannata - sempre in prima linea per diffondere la cultura dell’inclusione con importanti iniziative di sostegno e cura.”

Visite: 193
0
10
Giu
0

Siracusa: Viabilità del mare, proposta della quarta commissione consiliare per snellire il traffico

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg

La quarta commissione consiliare, presieduta da Martina Gallitto e che si occupa anche di viabilità, ha approvato nei giorni scorso all'unanimità una proposta che prevede la creazione di percorsi alternativi da e per le contrade marine. Il provvedimento, presentato dal capogruppo di "Francesco Italia sindaco”, Andrea Buccheri, e arricchito dagli interventi dei consiglieri Paolo Cavallaro (Fratelli d’Italia), Alessandra Barbone (Italia Viva-Fuori sistema), Matteo Melfi (capogruppo di “Ho scelto Siracusa”) e Angelo Greco (Partito democratico), ha l’obiettivo di facilitare l’utilizzo delle strade che corrono parallelamente a via Elorina, l’unica che conduce alle zone balneari prossime alla città.
Attraverso un’interlocuzione con il Libero consorzio di Siracusa si punta a recuperare e migliorare le arterie esistenti e dotarle di apposita segnaletica per raggiungere il mare in sicurezza, evitando di imbattersi in lunghe code lungo la via Elorina. La proposta è stata esposta ai tecnici del settore Viabilità della ex Provincia, dottor Grimaldi e geometra Di Pasquale, e all'assessore comunale alla viabilità Enzo Pantano, che si sono detti favorevoli e si adopereranno, ognuno per le proprie competenze, per tradurre in interventi concreti quanto elaborato dalla quarta commissione.
Il piano, che dà priorità alla sicurezza, una volta realizzato, sarà divulgato alla cittadinanza per snellire la circolazione già nel corso di questa estate.

Visite: 124
0
08
Giu
0

Rosano, Noi albergatori Siracusa: «Qualità della vita, la nostra città sempre più in basso, ecco il silenzio dei colpevoli»

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
«La qualifica sulla qualità della vita del Sole 24 Ore condanna ancora una volta Siracusa a occupare il fondo della classifica: 104° posizione, balzando indietro di 14 punti. Perché?» Se lo chiede Giuseppe Rosano, presidente di Noi albergatori Siracusa, il quale rileva come, prima ancora che si diffondesse questa notizia, la stessa domanda gli era stata posta da un amico tour operator tedesco.
«Dopo qualche secondo di smarrimento e balbettio - spiega Roano - mi accorgo di non saper rispondere agli assillanti interrogativi, soprattutto in merito al fatto che Siracusa, divenuta polo di grande attrazione turistico-culturale a livello internazionale, non riesca ad occupare una posizione più dignitosa. E ciò mentre anche dalla rilevazione “Quality of life in European cities”, condotta dalla Commissione Europea con il contributo dell'Istat in una selezione di città europee, si registra un buon 80% e oltre di popolazione soddisfatta per la vita nella propria città. Città dove, ovviamente, non figura Siracusa».
Eppure, ammette il presidente di Noi albergatori Siracusa, «ai perché del mio interlocutore non riuscivo a fornire argomenti tesi a giustificare tale disastroso andazzo, di cui l’amministrazione comunale e (pure) noi cittadini siracusani, siamo responsabili - aggiunge Rosano - e quindi silenziosi colpevoli. Perché la peggiorata posizione in classifica di sicuro non è legata a “fenomeni di turismofobia”, come si sostiene da qualche parte, né si risolve, come si afferma da altra fonte, “puntando sempre più su un turismo di qualità”. Come se ciò possa realizzarsi per incanto, con la bacchetta magica. Senza un attento studio e la necessaria progettualità. Il turismo nella nostra città per i prossimi anni sarà in crescita e quindi l’unico compito che abbiamo da assolvere, se non vogliamo indebolirlo, sarà quello di ingegnarci a saperlo gestire: ed è su questo contesto che si giocherà la partita. Imprescindibile - ricorda Rosano - che i turisti sono portatori di benessere economico e di posti di lavoro soprattutto per i nostri giovani: e forse non è ancora abbastanza chiaro che sono proprio loro i primi a pretendere che Siracusa offra un turismo sostenibile, tutelato da equilibri ambientali, dal territorio preservato dal punto di vista naturalistico e di camminare, nel corso del loro soggiorno, su vere isole pedonali, oggi assai frammentati».
Non solo. «Allo stesso tempo – prosegue il presidente di Noi albergatori Siracusa - chiedono, attraverso il corrispettivo che pagano tramite l’imposta di soggiorno, che a Siracusa possano percepire la medesima qualità della vita che godono nelle proprie città di origine o della nazionalità di appartenenza. Pretendono la tutela del patrimonio archeologico, artistico culturale e pure infrastrutture, trasporti pubblici efficienti, parcheggi e, ancora, di non essere soffocati dal traffico caotico e di non essere svegliati di notte dal frastuono della movida».
Rosano conclude: «Lungi da me offrire ricette e soluzioni ma una chiamata alle responsabilità mi sento di farla. Se vogliamo far progredire, evolvere la nostra città verso il cammino di città vivibile e non rassegnati allo spirito di adattamento per scivolare verso il peggio, tutti noi cittadini abbiamo il dovere di contribuire a realizzare la consapevolezza del rispetto delle regole dei diritti e dei doveri. All’amministrazione comunale spetta però l’obbligo di somministrare, oltre le pesanti tassazioni che impone ai siracusani, prestazioni tese a premiare una migliore qualità della vita a beneficio di residenti e turisti, nonché di avvantaggiarsi dell’evoluzione sociale che possa assicurare un prospero futuro ai giovani, in fuga dalla nostra città, lasciata in mano a gente anziana e a persone rassegnate. Quando riusciremo a realizzare codesti propositi, chiamerò il mio amico operatore turistico, al quale, scrollandomi del disagio percepito, comunicherò che la nostra città si sta avviando al cambiamento».

Visite: 148
0
04
Giu
0

I nuovi cavalieri della Repubblica Italiana.

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg

Il 2 Giugno 2024 per la ricorrenza del 78° anniversario della Repubblica Italiana, nella celebrazione della ricorrenza il Prefetto di Siracusa Dott.ssa Raffaella Moscarella su concessione del Presidente della Repubblica ha nominato i nuovi Cavalieri al Merito della Repubblica Italiana tra cui un nostro concittadino Avolese Sottufficiale dell'Arma dei Carabinieri il Dott. Brigadiere Giuseppe Papa a cui vanno i nostri Auguri e Complimenti per aver dato lustro con questa Onorificenza così importante al Comune di Avola.

Visite: 169
0
03
Giu
0

Slargo di viale Diaz intitolato a De Benedictis, primo presidente dell’Ordine dei commercialisti

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
 Lo slargo di viale Armando Diaz, di fronte al liceo scientifico Orso Mario Corbino, da oggi è intitolato ad Antonino De Benedictis, fondatore e primo presidente dell’Ordine dei commercialisti di Siracusa, morto nel 2014 all’età di 94 anni.

La lapide toponomastica è stata scoperta stamattina dal sindaco Francesco Italia e dal presidente dell’Ordine dei commercialisti Gaetano Ambrogio, presente sul posto assieme al direttivo provinciale che aveva proposto l’intitolazione. Hanno partecipato alla cerimonia i famigliari, Maria Luisa Messina in rappresentanza della Prefettura e una delegazione di studenti del liceo Corbino (scuola frequentata a De Benedictis), accompagnati dalla dirigente Lilli Fronte.

Visite: 131
0
30
Mag
0

BREAST UNIT ASP SIRACUSA, intervento chirurgico a Lentini tra i primi in Sicilia: impianto di protesi del capezzolo post mastectomia

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg

Nell’ospedale di Lentini, sede della Breast Unit Aziendale diretta da Giovanni Trombatore, è stato eseguito uno dei primi interventi in Sicilia  di posizionamento di protesi del capezzolo  post mastectomia in una signora di   57 anni già operata di mastectomia totale e ricostruzione per tumore al seno. L’intervento  è stato eseguito dalla equipe di Chirurgia Senologica composta da Emiliano Amore, Stefania Caniglia, Flavia Carrasi e Salvatore Perrotti.

L’intervento chirurgico di mastectomia è una procedura demolitiva  che permette la rimozione dei tumori al seno con un impatto che interessa non solo il corpo, ma anche la femminilità, la percezione di se’ e l’autostima.

Il percorso chirurgico dopo la mastectomia prevede la ricostruzione del seno  con posizionamento di protesi mammaria e il completamento con un ulteriore intervento chirurgico per la ricostruzione del capezzolo. Oggi, per questo ultimo aspetto,  grazie alle innovazioni tecnologiche è  possibile l’utilizzo di una protesi  areolare che risulta essere rivoluzionaria per la struttura che è simile al capezzolo naturale per i materiali utilizzati (silicone, nitiol)  e non ultimo per la non invasivita del suo posizionamento che avviene, in mani esperte, in meno di 20 minuti.
“Questo ulteriore passo - dichiara il direttore della Breast Unit Giovanni Trombatore - rende la Breast Unit Aziendale di Siracusa, con sede a Lentini, in grado di offrire il massimo della assistenza alle donne affette dalla patologia tumorale della mammella  in termini di guarigione dalla malattia e  con quanto di più innovativo per l’aspetto estetico, curando anche l’aspetto psichico relazionale".

Visite: 199
0
24
Mag
0

25 MAGGIO - “GIORNATA INTERNAZIONALE DEI BAMBINI SCOMPARSI”

Inviato il in Attualità


b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
Il 25 maggio ricorre la “Giornata internazionale dei bambini scomparsi”, istituita dall’assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1983 per sensibilizzare l'opinione pubblica sul drammatico fenomeno che colpisce a livello internazionale il mondo dell'infanzia.
La scomparsa ma anche il semplice allontanamento di minori deve essere sempre gestita in modo tempestivo, attivando senza ritardo tutti i canali di ricerca e predisponendo un raccordo informativo tale da non tralasciare nessuna eventualità. Questa giornata internazionale ha la precipua finalità di mantenere alta l’attenzione su questo fenomeno e di non sottovalutarlo.
La Questura di Siracusa, in tale contesto, proseguirà nella campagna di sensibilizzazione per contrastare questo fenomeno, saranno distribuiti opuscoli informativi e segnalibri, editi dalla Polizia di Stato, che forniscono indicazioni utili rivolgendosi direttamente ai ragazzi. Saranno coinvolte varie agenzie educative come istituti scolastici e centri di formazione per l’infanzia, gruppi sportivi e scuole calcio.
L’obiettivo della campagna è quello di prevenire le situazioni che possono indurre l’allontanamento dagli affetti familiari: disagio personale, cyberbullismo, adescamento in rete, maltrattamenti, legami sentimentali ossessivi e dannosi, violenza domestica.
È importante ricordare che nei casi di necessità bisogna subito contattare il numero unico di emergenza 112 NUE e parlare con le forze dell’ordine senza attendere e senza indugio.
Esiste anche il numero unico europeo 116000, dedicato ai minori scomparsi, che per l’Italia è stato affidato in gestione, dal Ministero dell’Interno, a “S.O.S. Il Telefono Azzurro-Linea Nazionale per la Prevenzione dell’Abuso all’Infanzia”.
Infine, è possibile fare una segnalazione anche attraverso l'applicazione della Polizia di Stato Youpol che consente di mettersi in contatto con la Polizia per episodi di violenza di genere, bullismo e spaccio di droga. L’App è attivabile su smartphone, tablet e computer e consente di trasmettere direttamente messaggi agli operatori di Polizia.
Non bisogna poi dimenticare che la polizia di Stato ha attivato un sito internet dedicato ai minori scomparsi: it.globalmissingkids.org, che opera all’interno di una rete internazionale, il cui scopo è quello di fornire un concreto aiuto al ritrovamento dei minori scomparsi.
La scomparsa di minori deve essere, infatti, sempre gestita in modo tempestivo, attivando senza ritardo tutti i canali di ricerca e predisponendo un raccordo informativo tra tutti gli attori istituzionali interessati per fare rete anche con gli enti che svolgono attività di volontariato no profit.

Visite: 121
0
24
Mag
0

All’Asp di Siracusa di ruolo altri ingegneri, tecnici di laboratorio, ostetriche e pediatri. In 7 oggi alla firma dei contratti di stabilizzazione Caltagirone: “Voi siete i protagonisti del cambiamento”

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg

 Cresce la grande famiglia dell’ASP di Siracusa con la stabilizzazione di altri ingegneri, tecnici di laboratorio, ostetriche e pediatri.
 
Stamattina, nella sala riunioni della Direzione generale dell’Azienda, il commissario straordinario Alessandro Caltagirone ha presieduto la cerimonia per la firma dei contratti a conclusione del processo di stabilizzazione di 4 ingegneri collaboratori di cui 3 civili ed 1 clinico, 1 tecnico di laboratorio, 1 dirigente medico pediatra ed 1 ostetrica, in esito agli avvisi rivolti a diversi profili della Dirigenza e del Comparto sanità approvati con deliberazioni del 18 aprile 2024, pubblicati nella GURS e scaduti l’11 maggio.
 
Presenti alla cerimonia il direttore sanitario Salvatore Madonia, il direttore amministrativo Salvatore Lombardo, il direttore UOC Tecnico Rosario Breci e il direttore delle Risorse Umane Lavinia Lo Curzio.
 
Ai nuovi stabilizzati il commissario straordinario Caltagirone, nel cogliere nelle parole di ognuno di loro l’entusiasmo e la soddisfazione per il raggiungimento di un traguardo lavorativo stabile per il loro futuro, ha formulato i migliori auguri di buon lavoro all’insegna della fidelizzazione, della sinergia e della proficua collaborazione con i reparti e le strutture di riferimento, per dare risposte adeguate ai cittadini, interlocutori privilegiati nel sistema sanitario. “Il vostro supporto – ha detto Caltagirone – è prezioso nel processo di cambiamento della sanità siracusana di cui voi siete i protagonisti”.
Il manager ha sottolineando l’importanza del percorso di adeguamento della dotazione organica messo in atto, che consente di colmare le carenze di personale, riducendo nel contempo il ricorso al tempo determinato e assicurando stabilità al personale precario e all’organizzazione aziendale sia ospedaliera che territoriale nel rispetto del Piano del fabbisogno e della normativa nazionale e regionale. E ciò facendo fronte sempre più adeguatamente, con i numerosi bandi di concorso e avvisi pubblici in atto, alle esigenze sanitarie di tutto il territorio. Pronte per i prossimi giorni altre numerose immissioni in ruolo sia nell’area della Dirigenza che del Comparto.
 

Visite: 163
0
19
Mag
0

Oggi la giornata mondiale delle M.I.C.I., anche Avola si tinge di viola

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
Oggi 19 maggio 2024 è la giornata mondiale delle M.I.C.I. ovvero malattie infiammatorie croniche intestinali, in inglese conosciute come I.B.D. (inflammatory bowel disease).
Tutte le città d’Italia si illuminano di viola ed anche il comune di Avola ha aderito all’iniziativa illuminando il teatro Garibaldi.
La federazione europea del morbo di crohn e rettocolite ulcerosa (EFCCA) ha scelto come tema per quest'anno "l'IBD non ha confini". Lo scopo è rafforzare le alleanze globali per essere piu incisivi nella lotta contro questa malattia.
 

Visite: 219
0
16
Mag
0

PROSEGUIRE IL PROGETTO MARE PER TUTTI PER LE PERSONE CON DISABILITA’

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
Il Coprodis (Coordinamento Provinciale delle Associazioni di Volontariato e di Tutela delle Persone con Disabilità) ha scritto al Sindaco di Siracusa Francesco Italia, al Vicesindaco Edy Bandiera, all’Assessore al Mare Giuseppe Gibilisco e a quello alle Politiche Sociali Marco Zappulla, per chiedere che venga convocato al più presto un incontro operativo per consentire, già dal prossimo mese di giugno, la ripresa del progetto Mare per Tutti, che tanto successo ha riscosso l’estate scorsa e che quindi l’Amministrazione Comunale ha già dichiarato di voler proseguire.
"Ricordiamo come, grazie anche al supporto concreto e volontario offerto dal Coprodis - sottolinea la presidente Lisa Rubino - questo progetto, proposto dall’Assessorato comunale alle Politiche Sociali, ha fornito a residenti e turisti presenti nella città di Siracusa l’opportunità di godere del mare in modo realmente accessibile. Oggi peraltro si celebra la “Giornata mondiale di sensibilizzazione sull’accessibilità”, dedicata a uno dei Princìpi generali della Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità, trattato internazionale il nostro Stato ha ratificato con la Legge 18/09 e che a tale tema dedica anche uno specifico articolo (l’articolo 9). La Convenzione stabilisce che a tutte le persone, indipendentemente dalle loro caratteristiche individuali, vada garantito un equo accesso a tutti gli spazi, i servizi e le infrastrutture.
Nel corso della manifestazione conclusiva, svoltasi lo scorso 11 ottobre, tutti i protagonisti del Progetto hanno riaffermato la volontà di garantirne la continuità. Cogliamo l’occasione - prosegue ancora Lisa Rubino - per ringraziare nuovamente la presenza dell’Amministrazione della Città di Grosseto, città da cui Siracusa ha preso spunti e consigli in quanto veterana della stessa esperienza, che realizza con riscontri positivi da svariati da anni. E il nostro ringraziamento lo rinnoviamo anche ai direttori degli stabilimenti balneari, che hanno concesso gratuitamente una postazione ad uso delle persone con disabilità pure attraverso l’utilizzo delle sedie job e che, ne siamo certi, non mancheranno anche quest’anno di garantire il loro generoso apporto per assicurare la prosecuzione dell’iniziativa”.

Visite: 160
0
10
Mag
0

OSSERVATORIO CIVICO E TERRITORIO PROTAGONISTA INSIEME NEL SEGNO DI ALDO GAROZZO

Inviato il in Attualità


b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
Nel segno di Aldo Garozzo, indimenticato personaggio di spicco della vita economica e sociale di Siracusa degli ultimi decenni, l’Osservatorio Civico e l’Associazione Territorio Protagonista hanno voluto stringere un’intesa operativa, volta a promuovere una cittadinanza attiva ed operosa al servizio del bene comune.
La firma del protocollo, che suggella l’accordo e che servirà da base per tutta una serie di iniziative concrete da sviluppare nell’intera provincia aretusea, è stata apposta da Salvo Sorbello, presidente dell’Osservatorio Civico e da Arturo Linguanti e Liddo Schiavo, in rappresentanza di Territorio Protagonista.
“Aldo Garozzo, già presidente sia dell’Osservatorio Civico che di Territorio Protagonista - dichiarano Arturo Linguanti e Salvo Sorbello - continuerà ad essere il nostro riferimento ideale per le azioni che intendiamo mettere in campo in una provincia, quella di Siracusa, che ha un urgente bisogno di un concreto rilancio, in settori essenziali per il futuro: da quello della sanità, con il nuovo ospedale, a quelli economico e sociale. Non ci tireremo indietro, la situazione è molto critica, assistiamo purtroppo ad una sempre più preoccupante fuga dei nostri giovani e vengono inoltre a mancare istituzioni, come la Camera di Commercio, essenziali per programmare in maniera seria e lungimirante”.

Visite: 165
0
22
Apr
0

Al termine il secondo corso per guide ambientali della Rete museale degli Iblei

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg

 «Termina, con grande successo, la seconda edizione del corso per guide ambientali, escursionistiche ed etnoantropologiche diretto e curato dal divulgatore scientifico, naturalista e formatore Paolino Uccello, organizzato e promosso dal Sistema rete museale Iblei, ente del terzo settore impegnato nella conduzione dell’Ecomuseo degli Iblei, ambito riconoscimento regionale del 2020». Lo comunica Cetty Bruno, direttrice della Rete museale degli Iblei, che aggiunge: «L’ente, nel suo obiettivo di valorizzare il patrimonio culturale del territorio siracusano, con i formatori del corso ne esamina tesori archeologici, storici, naturali e paesaggistici nell’intento di formare guide ambientali ed escursionistiche, con un’attenzione particolare al percorso di antropizzazione compiuto dall’uomo ibleo, progenitore delle genti di Hyblon, le cui testimonianze sono conservate in tanti musei tematici della Rete museale».

Il corso della durata di 220 ore, si è tenuto nella sede legale dell’ente a Canicattini Bagni per la parte teorica e per la parte escursionistica ha visto i corsisti inerpicarsi fra boschi collinari, come il Bosco di Santa Maria e Bosco Cardinale e scendere nelle fresche cave di Contessa, il Vallone di Figghiu Figghiu, Valle dell’Anapo ecc.

Hanno fatto parte del corso anche la conoscenza del mar Mediterraneo per fare snorkeling e conoscerne, con i docenti Antonio Drosi e Alfredo Milazzo, la diversità biologica e la storia delle varie civiltà di cui è stato volano di sviluppo. E, ancora, le Riserve naturali Orientate della Sicilia orientale e le motivazioni della loro istituzione, partendo da Vendicari, 44 km più a Sud di Tunisi come albergo degli uccelli, per passare alla Valle dell'Anapo con la foresta ripale e la vita segreta delle cave iblee. Grande spazio è stato riservato al riconoscimento su campo delle piante fito-alimurgiche e a quelle officinali con la preparazione di olioliti, acetoliti, enoliti e picate nonché l'uso dell'alambicco. Fra i tanti laboratori didattici che hanno arricchito il corso, quello di cucina siciliana, di tintura naturale, di scalpellino, di lavorazione della canna, di tecniche d’intreccio delle fibre ecc.

Le lezioni hanno previsto l’inquadramento geologico degli Iblei con il geologo Emanuele Annino e i beni demo etnoantropologici, tema affrontato dall’esperto catalogatore del Servizio Beni storico-artistici e D.E.A. della Soprintendenza di Siracusa, Giuseppe Implatini.

Spazio anche alla splendida Riserva Naturale di Vendicari, da Eloro a Cittadella dei Maccari, la cui conoscenza è stata approfondita da un punto di vista archeologico da Gabriella Ancona del Servizio Beni archeologici della Soprintendenza di Siracusa, e da quello naturalistico con l’intervento sulla migrazione degli uccelli di Paolino Uccello. Tra i siti archeologici visitati Cozzo Guardiole, I Cugni di Ragusa, i DDieri di Baulì e Pantalica con le sue necropoli, per finire sul tema “Siracusa ed il suo territorio in età paleocristiana: Catacombe maggiori e minori” tenuto da Gioacchina Tiziana Ricciardi, responsabile della Pontificia Commissione della Sicilia sud-orientale e archeologa della Soprintendenza di Siracusa.

Il corso ha riservato particolare attenzione all’inclusione di persone con gravi disabilità motorie, che hanno potuto godere di esperienze escursionistiche immersive in luoghi inaccessibili.

Paolino Uccello, contento dei risultati conseguiti, ringrazia lo staff della Rete museale che lo collabora per l’ottima organizzazione e dichiara: «Termino con le frasi dei corsisti, che hanno definito il corso una immersione nella natura, nelle nostre radici, nella bellezza dell’arte e nel valore dell’artigianato aretuseo».

Visite: 190
0
19
Apr
0

Ospedale Trigona di Noto sede per la fase sperimentale delle Case e degli Ospedali di Comunità previste dal DM 77

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
Mentre sono già state attivate dal 31 marzo scorso le 4 Centrali operative Territoriali e l’Asp di Siracusa è impegnata nella realizzazione entro giugno del 2026 di tutti gli Ospedali e le Case di Comunità previsti dal DM 77 nell’ambito della provincia aretusea, il commissario straordinario dell’Asp di Siracusa Alessandro Caltagirone ha individuato l’ospedale Trigona di Noto quale sede dove avviare entro dicembre di quest’anno, così come previsto nell’accordo tra la Regione Siciliana e Agenas, il progetto sperimentale degli ospedali di Comunità e delle Case di Comunità.
 
“La scelta del progetto di sperimentazione è ricaduta sull’ospedale di Noto – dichiara il commissario straordinario Alessandro Caltagirone – tenuto conto che rispetto a tutte le sedi dei quattro Distretti della provincia di Siracusa destinatarie delle nuove strutture in corso di realizzazione con il programma di finanziamenti del PNRR, l’ospedale di Noto, si presta alla celerità dei tempi necessari per gli adeguamenti logistici ai fini dell’allocazione, assieme alla Centrale operativa territoriale già attivata, dell’Ospedale di Comunità e della Casa di Comunità che saranno a disposizione della cittadinanza da fine anno in via sperimentale e poi in via definitiva da giugno 2026 come previsto, fornendo servizi alla zona sud così come a tutte le altre aree del Siracusano mai avuti in passato”.  
 
L’Azienda, attraverso gli Uffici Tecnico, Servizi Informatici e il Dipartimento per l’Assistenza Distrettuale e dell’Integrazione Socio Sanitaria, ha predisposto e trasmesso al Dipartimento Pianificazione Strategica dell’Assessorato regionale della Salute il cronoprogramma con il Piano di Attuazione che contiene, per ogni struttura da attivare, in base agli elementi indicati da Agenas, oltre alle azioni già poste in essere, le azioni programmate e cioè la realizzazione delle strutture, il reclutamento del personale, le procedure di funzionamento, il coinvolgimento degli enti locali e delle associazioni di volontariato, l’integrazione con i convenzionati, nonché i tempi di attuazione e gli indicatori di monitoraggio. 
 
 

Visite: 214
0
16
Apr
0

ASP SIRACUSA: Nuove direttive per l'ottimizzazione dei Pronto Soccorso a garanzia per i pazienti di un’assistenza tempestiva ed appropriata

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
Ridurre il sovraffollamento, migliorare l’efficienza e la qualità dei servizi offerti nei Pronto soccorso degli ospedali della provincia di Siracusa e garantire ai pazienti un’assistenza tempestiva ed appropriata. 

E’ con questo obiettivo che il commissario straordinario dell’Asp di Siracusa Alessandro Caltagirone assieme ai direttori sanitario e amministrativo Salvatore Madonia e Salvatore Lombardo, dopo che è intervenuto sulla carenza di medici nell’Area di Emergenza Urgenza con assunzioni ad hoc, ha emanato, con il supporto del direttore del SIFA Santo Pettignano, una direttiva interna urgente per il superamento delle criticità e il miglioramento dei percorsi assistenziali.
Il provvedimento, immediatamente esecutivo, interviene su tutte le criticità che sono emerse nel corso di diverse riunioni con i direttori medici dei Presidi ospedalieri, dei Dipartimenti, delle Unità operative dell’Area di Emergenza Urgenza e delle Risorse Umane, dirigenti delle Professioni Infermieristiche, Bed Manager e, in ultimo, lo scorso 2 aprile, con la partecipazione delle organizzazioni sindacali della Dirigenza dell’Area Sanità.
"La salute dei cittadini è la nostra priorità assoluta – dichiara il commissario straordinario Alessandro Caltagirone -. Queste nuove misure mirano a garantire un accesso tempestivo e appropriato ai servizi di emergenza, riducendo le attese e ottimizzando le risorse disponibili. Vogliamo assicurare a ogni persona che si rivolge a noi la migliore assistenza possibile, nel rispetto della dignità del cittadino e della professionalità che ci contraddistingue. Siamo impegnati a creare un ambiente di cura efficiente e umano, attento alle esigenze della nostra comunità".
Tra le criticità nei Pronto Soccorso sono emersi elevati volumi di pazienti in codice bianco, un’alta percentuale di abbandono volontario prima delle visite mediche, ma soprattutto tempi prolungati per gli accertamenti diagnostici, mancata attuazione e definizione del percorso fast track, cioè dei percorsi rapidi in area dedicata per pazienti con patologie a bassa gravità, carenza di posti letto per i ricoveri. Un aspetto, quest’ultimo, che rappresenta la maggiore criticità nel percorso assistenziale, considerato che contribuisce fortemente al sovraffollamento del Pronto Soccorso.
Con tale direttiva sono state disposte le seguenti misure: ai fini della trasparenza, la pubblicazione sul sito web aziendale dei tempi di attesa per l'accesso al Pronto Soccorso.
Dopo il triage, i pazienti identificati con codice bianco verranno inviati al corrispondente ambulatorio o verso le Guardie Mediche e i Punti di Primo Intervento oppure, secondo le patologie riscontrate, verso i percorsi dedicati già operativi, sia ospedalieri che territoriali, inserendoli nei percorsi assistenziali definiti con prescrizione in classe di priorità appropriata (es. diabete, scompenso cardiaco, ecc) e favorendo le dimissioni facilitate.
Per ridurre la permanenza nella sala di “attesa assistita” che non dovrà superare i 90 minuti dalla valutazione medica finale, le consulenze dovranno essere effettuate entro 1 ora dalla richiesta effettuata dal medico di pronto soccorso che verrà tracciata con i sistemi informatici.
La permanenza in OBI è consentita fino a 24/48 ore e, al fine di ottimizzare le attività di ricovero, al paziente dovranno essere eseguite tutte le attività diagnostiche concordate con il reparto che prenderà in carico il paziente.
Definita la valutazione complessiva da parte dei medici di Pronto soccorso, il paziente viene assegnato al reparto di destinazione. Qualora il posto letto del reparto non fosse disponibile, il paziente viene appoggiato in un posto letto di una Struttura omogenea e avrà la precedenza assoluta non appena si renderà disponibile il posto letto nel reparto di destinazione.
Per quanto riguarda i ricoveri, entro le ore 20 di ogni giorno il medico di reparto comunica al Bed Manager del Presidio ospedaliero (per il tramite della cartella clinica informatizzata) i posti letto che si renderanno disponibili l'indomani mattina a seguito delle dimissioni che dovranno avvenire entro le ore 9 per consentire la pronta disponibilità del posto. Il reparto è tenuto ad avvertire la sera prima anche i familiari del paziente che sarà dimesso, raccomandando l’obbligo di presa in carico dello stesso entro le ore 12.
A servizio dell’intero presidio ospedaliero sarà identificata una dimission room, una stanza adeguatamente dimensionata, in cui i pazienti in dimissione, in attesa dell’arrivo dei parenti, possano sostare fino alle ore 14 in comode poltrone, con il supporto di una unità di personale ausiliario. Il Bed Manager dovrà sovrintendere a tale attività in tutti i suoi aspetti e favorire la comunicazione efficace delle informazioni con il Pronto Soccorso.
 “Queste nuove disposizioni, immediatamente esecutive – conclude il manager Caltagirone - rappresentano un significativo progresso nell'ottimizzazione dei Pronto Soccorso dell’Azienda, garantendo un’assistenza sanitaria di alta qualità e vicina alle necessità dei cittadini. Sarà nostra cura, attraverso opportuni report periodici, valutare lo stato di attuazione ed intervenire con eventuali nuove disposizioni correttive”.

Visite: 224
0
11
Apr
0

FONDAZIONE ONDA E BOLLINI ROSA, RICONOSCIMENTO ANCHE ALL’OSPEDALE DI LENTINI PER L’IMPEGNO NELLA PREVENZIONE PRIMARIA IN GRAVIDANZA

Inviato il in Attualità

b2ap3_thumbnail_Attualit.jpg
Il riconoscimento, attestato in una pergamena, è stato consegnato ieri durante il convegno che si è svolto al Senato della Repubblica durante la presentazione dei dati sull’indagine nazionale della Fondazione ONDA volta a conoscere l’atteggiamento delle donne in gravidanza nei confronti della prevenzione primaria, con particolare riferimento alle vaccinazioni. Intanto, dalla prossima settimana, tra i servizi Bollino Rosa all’ospedale di Lentini, al via una nuova palestra per la preparazione al parto. 
 Anche l’ospedale di Lentini, facente parte del network nazionale degli ospedali Bollini Rosa, ha partecipato all’indagine condotta dalla Fondazione ONDA ETS e dalla Società italiana di Ginecologia e Ostetricia in collaborazione con l’Istituto di ricerca Elma Research volta a conoscere l’atteggiamento delle donne in gravidanza e delle neomamme nei confronti della prevenzione primaria, con particolare riferimento alle vaccinazioni, i cui risultati sono stati presentati ieri in Senato nel corso del Convegno promosso su iniziativa della senatrice Maria Domenica Castellone “La vaccinazione in gravidanza. L’importanza della prevenzione primaria”. 

Nel corso dell’evento sono stati presentati, inoltre, i risultati di una mappatura condotta nei reparti di Ginecologia e Ostetricia degli ospedali Bollino Rosa sui servizi offerti dedicati alla prevenzione primaria in gravidanza. L’ospedale di Lentini, assieme a tutti gli altri ospedali che hanno partecipato, ha ricevuto una pergamena come ringraziamento per l’adesione e per l’attenzione e l’impegno sul tema della prevenzione primaria in gravidanza. A ritirare il riconoscimento per l’ospedale di Lentini sono stati il direttore sanitario aziendale Salvatore Madonia, Andrea Conti della Direzione Medica del presidio ospedaliero di Lentini e il direttore del reparto di Ginecologia e Ostetricia dell’ospedale di Lentini Francesco Cannone. Il progetto ha previsto la diffusione attraverso gli ospedali Bollino Rosa di un opuscolo divulgativo rivolto alle donne sull’importanza della prevenzione in gravidanza.
Tra i servizi dedicati alle donne, nei prossimi giorni nell’ospedale di Lentini entrerà in funzione, su disposizione del commissario straordinario dell’Asp di Siracusa Alessandro Caltagirone, una nuova palestra attrezzata per i corsi di preparazione al parto. “Ritengo fondamentale prevedere in tutti gli ospedali servizi sanitari che tengano conto delle differenze di genere attraverso percorsi clinici e assistenziali ottimizzati per le donne – dichiara il manager Caltagirone -. Mi complimento per l’impegno e l’attenzione che in questo ambito viene profuso negli ospedali di questa provincia. L’avvio della nuova palestra per i corsi preparto nell’ospedale di Lentini, nell’ambito della sfera materno infantile, avrà l’obiettivo di offrire un ambiente confortevole e rilassante, promuovendo la salute delle future mamme, dei bambini e delle famiglie”.   
Come è noto, la presenza di specialità cliniche nell’ospedale di Lentini che trattano problematiche di salute tipicamente femminili e trasversali ai due generi con percorsi differenziati diagnostico-terapeutici e servizi clinico-assistenziali ottimizzati per il genere femminile in ottica multidisciplinare, ha permesso all’ospedale di Lentini di ottenere assieme ad altri ospedali italiani il prestigioso riconoscimento del Bollino Rosa, con l’assegnazione di due Bollini Rosa per il biennio 2024-2025, entrando a far parte del network della Fondazione Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute donna.

Visite: 183
0
Vai all'inizio della pagina