Esagonoilgiornale.com

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Archivio
    Archivio Contiene un elenco di blog che sono stati creati in precedenza.
  • Accesso
    Login Login form
23
Ott

MARZIANO: “ IL PD SIRACUSANO PUO’ RIPARTIRE. ECCO COME ”

Inviato il in Politica
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 165
  • 0 Commenti
  • Stampa

b2ap3_thumbnail_Politica.jpg

Il PD Siracusano deve affrontare un percorso di reinsediamento sociale, di pacificazione interna e di rilancio della iniziativa politica. Antonio Nicita è il dirigente nazionale che può realizzare questo progetto.
Il primo obiettivo che ci si deve porre è quello di avviare un percorso di reinsediamento sociale dopo il periodo di rotture con il nostro elettorato tradizionale determinato dalle scelte fatte dal partito durante il periodo renziano che hanno determinato un distacco con i nostri ceti sociali tradizionali e una rottura con i corpi sociali intermedi.

Oggi ci sono le condizioni per farlo a partire dal successo di Elly Schlein e dalla scelta fatta subito dopo di avviare una gestione unitaria che vedesse anche i sostenitori di Bonaccini impegnati nella gestione del partito.
E ci sono anche le stesse condizioni per le scelte che sta operando il partito in queste settimane e cioè la proposta di salario minimo e il sostegno alle vertenze sindacali in atto nel paese.
Nella nostra città il reinsediamento passa facendo tesoro dell’esperienza amministrativa che ci ha visto ottenere, con la candidatura di Renata Giunta, un risultato importante per la coalizione e per il partito democratico stesso e aggregando soprattutto quelle nuove significative presenze che si sono avvicinate durante la campagna elettorale alle scorse elezioni amministrative. il partito democratico è riuscito a mettere in campo una lista equilibrata che ha visto eleggere un buon gruppo consiliare, ricco dell’esperienza di Massimo Milazzo e dell’entusiasmo e dell’impegno giovanile di Angelo Greco e di Sara Zappulla. Ma dobbiamo fare in modo di fare sentire anche gli uomini e le donne che si sono presentati nella lista di Renata Giunta come a casa loro dentro il PD e fare in modo di intervenire in tutto il territorio della provincia e in tutti i comuni della provincia dove ci sono segnali di voglia di partecipazione e di impegno politico.
Altro obiettivo è il mantenimento dei legami con la coalizione che si è presentata alle elezioni amministrative che va allargata a quelle forze di centro sinistra che hanno fatto alle scorse elezioni amministrative scelte autonome e che invece possono e devono essere coinvolte in un percorso unitario che renda ancor più credibile la coalizione stesso.
infine Proseguire l’impegno sui temi locali come si è fatto con le tre iniziative messe in campo a settembre per arrivare alle elezioni europee con un partito in campo e mobilitato, un partito dove avviare un percorso di pacificazione interna in cui si possono affrontare i temi politici più delicati (rapporto con l’amministrazione comunale di Siracusa,politica delle alleanze,ruolo degli organismi) senza divisioni manichee e distruttive e attraverso il riconoscimento delle reciproche posizioni chiamando tutti a raccolta e stimolandone l’impegno individuale per arricchire l’iniziativa politica.
Il senatore Nicita, che tutto il partito ha voluto come commissario, è l’uomo giusto per portare avanti questo progetto.
Dalla sua elezione in poi ha lavorato per raggiungere il massimo di unità interna possibile riuscendo a formare una lista competitiva alle elezioni amministrative, una coalizione che ha ottenuto un buon risultato ed ha un riconoscimento unanime all’interno del partito.
Con la sua direzione il partito può affrontare con serenità i prossimi impegni elettorali (europee e, ove si dovessero tenere, elezioni provinciali) celebrando successivamente un congresso che ne sancisca la coesione interna e il rafforzamento politico elettorale

0

Commenti

  • Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

Lascia il tuo commento

Ospite Domenica, 03 Marzo 2024
Vai all'inizio della pagina