Esagonoilgiornale.com

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Archivio
    Archivio Contiene un elenco di blog che sono stati creati in precedenza.
  • Accesso
    Login Login form
08
Giu

RINGRAZIARE L’INGRATITUDINE: APERTURA STRAORDINARIA DELLA PIRAMIDE 38° PARALLELO DI MAURO STACCIOLI, MUSEO A CIELO APERTO

Inviato il in Arte
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 105
  • 0 Commenti
  • Stampa

b2ap3_thumbnail_Arte.jpg
Un concetto profondo ed universale che racconta il maestro Antonio Presti, poeta dell'arte e della bellezza la cui vita e lavoro incarnano una romantica missione: trasformare il paesaggio e le comunità attraverso l'arte, come un giardiniere che semina fiori di cultura e di bellezza.

Presti ha dedicato la sua vita e le sue risorse per creare bellezza in luoghi anonimi e dimenticati, come il quartiere catanese di Librino, con la Porta della Bellezza nel 2009 e la Porta delle Farfalle nel 2023. La sua opera è un invito all'amore per l'arte, un inno alla speranza e alla trasformazione, che fiorisce nel cuore della Sicilia e oltre. La Fiumara d'Arte, un museo all'aperto situato nel comprensorio dei Nebrodi, conta nove opere di artisti di fama mondiale ed è un unicum nel

panorama internazionale, inoltre ha trasformato un'intera area in un centro di arte contemporanea a cielo aperto, attirando visitatori e appassionati da tutto il mondo. Ecco la finalità di Presti e della Fiumara d’Arte: promuovere la bellezza, non solo estetica, ma anche interiore, che si manifesta attraverso la generosità e l'impegno verso gli altri e verso il mondo che ci circonda. La bellezza, per il mecenate, è la chiave per risvegliare le coscienze, stimolare il pensiero critico e promuovere il benessere collettivo: è attraverso la contemplazione e l'esperienza della bellezza che possiamo aspirare a una società più armoniosa e coesa.

Ringraziare l’ingratitudine è una visione, apparentemente contrastante, che svela una profonda verità sulle dinamiche umane. Ringraziare l'ingratitudine, secondo Presti, non è un atto di resa, ma un potente strumento di liberazione. Anche di fronte al mancato riconoscimento o alla mancanza di apprezzamento, il valore delle nostre azioni e della nostra arte rimane inalterato. Questa prospettiva aiuta a restare in pace con sé stessi, a mantenere la propria integrità e a proseguire il cammino della creatività e del contributo sociale senza farsi scoraggiare.

“La cecità è il male della nostra contemporaneità, occhi che guardano ma non vedono; in questa società si guarda troppo al consumo, all’apparire, ognuno di noi ha la tendenza a prendere e non a restituire. La Fiumara d’Arte è la testimonianza che quando si restituisce con il cuore, si tocca il cuore manifestando la bellezza.”

Con la sua incessante ricerca della bellezza e del suo potere trasformativo, Antonio Presti si conferma un esempio luminoso di come l'arte possa elevare lo spirito umano e contribuire a costruire un mondo migliore.

“Lo spirito che anima l’amore è sempre amare. Lo spirito che anima il sogno è sempre sognare. La mia missione del donare continuerà sempre, e voglio mantenere integra e proteggere la bellezza ringraziando l’ingratitudine. Un messaggio che voglio estendere anche ai partecipanti del rito, ricordando a tutti, anche nella vita quotidiana, di non cedere all’azione di quell’essere male che colpendo il nostro ego ci fa rimanere male. Perché in quell’istante i sentimenti che nutrono la nostra anima sono: rabbia, livore, rancore e tradimento. Solo ringraziando l’ingratitudine possiamo proteggere lo spirito che anima la bellezza ed il suo amare. Ringraziare e non rivendicare. Uno speciale ringraziamento va al Presidente della Regione Sicilia Renato Schifani, per aver dimostrato sensibilità fin dal suo insediamento per la “Fiumara D’Arte”, e per aver collaborato attivamente con la Fondazione proteggendo le opere e sostenendo le future iniziative.”

Sulla collina di Motta d’Affermo si staglia la maestosa Piramide – 38° parallelo di Mauro Staccioli, alta 30 metri, orientata a nord-ovest in modo che tutti i giorni, al tramonto, gli ultimi raggi del sole attraversano l’opera. Una scultura faraonica che vuole trasformare il 38° parallelo da linea di demarcazione - la circonferenza è la stessa che separa la Corea del Nord dalla Corea del Sud - in linea di connessione, promuovendo valori come la pace e la bellezza. Un patrimonio d’arte contemporanea che si inserisce in un programma di valorizzazione del territorio siciliano che mira a rilanciare il turismo culturale nei Comuni di Reitano, Pettineo, Castel di Lucio, Motta d’Affermo, Santo Stefano di Camastra, Mistretta, Tusa.

b2ap3_thumbnail_Screenshot-2024-06-08-10.09.48.png

SOLSTIZIO D’ESTATE GIUGNO 2024: RINGRAZIARE L’INGRATITUDINE

La piramide sarà visitabile all’interno, attraverso un tunnel dove dal buio si passa alla luce, rivelando uno spazio ideato come luogo del pensare, un tempio della meditazione che parla di un altro potere, quello della Bellezza. La luce che penetrerà all’interno sarà un’illuminazione della coscienza, contro il male imperante, quello dell’ignoranza.

0

Commenti

  • Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

Lascia il tuo commento

Ospite Venerdì, 21 Giugno 2024

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

Vai all'inizio della pagina